Immacolata 8 dicembe 2015 cose da fare mostre da vedere eventi moda italia milano parigi 1

 

 

 

Il fascino della moda made in sta nel creare bellezza lasciandosi ispirare da essa stessa, ossia da quell'armonia che circonda lo stile di vita delle persone che vivono il fermento culturale di paesi come l'Italia e la Francia. Quest'armonia è catturata con un lampo di genio dagli stilisti che la trasformano in creazione. E sono proprio le opere stesse a dare voce alla loro storia, la scenografia del fashion, e le mostre sono i luoghi migliori per apprezzarle dal vivo. Qui di seguito alcuni suggerimenti sulle esibizioni più interessanti da visitare a Milano, Roma, Genova e Parigi, per gli appassionati di moda design e fotografia.

Il nuovo vocabolario della moda italiana”, Triennale di Milano

La moda italiana raccontata attraverso tradizione e arte, è questo il concept de “Il nuovo vocabolario della moda italiana” la mostra dedicata ad Elio Fiorucci in scena alla triennale di Milano. La creatività dei protagonisti del made in Italy che hanno scandito l'ultimo ventennio viene celebrata con un'esposizione che mette in luce l'essenza culturale e tecnica del “saper fare” nostrano sviscerandolo dalle sue radici storiche per contestualizzarlo nelle dinamiche interattive dei tempi più recenti. Dal 1998, anno della rivoluzione digitale, che segna il concreto passaggio della comunicazione verso un approccio prettamente virtuale, fino all'era 2.1, la collettiva illustra attraverso abiti, bijoux ed altri accessori, come il mondo del fashion ha reagito alla grande crisi globale del 2008 che ha destrutturato gli archetipi sociali ed economici dell'Italia moderna. Il viaggio nello stile indaga i dominii del design italiano passando al vaglio ogni settore dal ready to wear allo street style.

L'esibizione è aperta al pubblico da martedì a domenica (10.30 – 20.30) fino al 10 giugno 2016.

Equilibrium”, la storia della maison Ferragamo a Genova, Palazzo della Meridiana

La storia del brand italiano che ha fatto la storia delle calzature prende forma nel cuore del centro storico di Genova, a Palazzo della Meridiana. Qui, ancora per pochi giorni, fino al 13 dicembre, tutti i modelli che hanno fatto impazzire le dive di Hollywood e acceso i riflettori sulla manifattura delle scarpe made in Italy, dai sandali a struttura invisibile (fatta con la lenza da pesca) alle storiche zeppe di corda, sono esposti a testimoniare la classe e la leggerezza di una delle aziende ambasciatrici di stile.

Dolce Vita Gallery, Roma

Ricchezza, gioia, fermento culturale, spettacolo: un decennio della storia della repubblica italiana immortalato in più di cento scatti che raccontano con realistica vitalità l'indimenticabile Dolce Vita romana. Gli anni '50 e '60 sono stati il periodo d'oro della capitale. La bellezza e la produttività di quel periodo storico rivivono nelle istantanee di Marcello Geppetti, l'artista che ha fotografato i momenti salienti e i personaggi più glamour di quel momento, ricevendo importanti riconoscimenti internazionali. Le fotografie sono esposte al pubblico per la vendita alla Dolce Vita Gallery di Roma ed i prezzi vanno dai 150 euro ai 12 mila. L'ingresso invece è gratuito tutti i pomeriggi da martedì a domenica, dalle 14 alle 20.

'La maison du Roi', Milano

La moda militare è in scena all'Archivio di Stato di Milano. Le opulente divise delle guardie reali, da Luigi XIV a Luigi XVI. Maison du Roi era, infatti, il reggimento più prestigioso dell' esercito della monarchia francese, da cui il nome della mostra. Le uniformi, comprese di armature sono montate su 26 manichini a grandezza naturale e rappresentano i cambiamenti del costume dal 1690 al 1792. A curare l'esposizione è stato Gabriele Mendella, noto sarto d'epoca, con il supporto di Jérémie Benoit, conservatore della Reggia di Versailles. Tra i costumi più interessanti e rari sono da apprezzare quelli delle Guardie del Corpo della compagnia scozzese destinate ad affiancare il sovrano 24 ore su 24 e la divisa delle guardie del corpo di Luigi XVI a Versailles indossate il 5 e 6 ottobre 1789, i giorni dell'invasione della folla inferocita nelle stanze della regina Maria Antonietta. E' curioso sapere che l'allestimento della mostra ha richiesto agli addetti ai lavori 3 anni, oltre mezzo km di stoffe, reperite nelle ditte di tutta Europa tra le quali quella che da 200 anni confeziona le giubbe rosse di Buckingham Palace.

Mercatini di Natale alternativi Alter Bej a Milano, Cavalcavia Bussa

A Milano la festa dell' Immacolata dura sempre un giorno in più perché il 7 dicembre si celebra S. Ambrogio, il patrono della città. Quest'anno, siamo fortunati più che mai poiché i giorni di vacanza sono a ridosso del weekend, quindi si crea un ponte bello lungo. Neve ve n'è poca e non tutti sono andati a sciare. Per chi resta a Milano e ama i mercatini, l'alternativa agli Oh Bej Oh Bej sono gli Alter Bej al Cavalcavia Bussa. Qui si possono trovare monili, articoli vintage, manufatti artistici, musica e specialità gastronomiche "alternative".

"Volez, Voguez, Voyagez - Louis Vuitton", Grand Palais di Parigi

Louis Vuitton, che oggi offre una vasta gamma di prodotti, dalle popolarissime borse, agli abiti, i gioielli, e lo champagne, rende omaggio alla storia della maison con una mostra allestita al Grand Palais di Parigi, dedicata alle creazioni degli esordi: bauli e valigie. Il viaggio è da sempre l'heritage del celebre marchio del lusso francese tano che i bagagli LV hanno accompagnato turisti ed esploratori in giro per il mondo sin dal lontano 1854. Il titolo della personale "Volez, Voguez, Voyagez - Louis Vuitton", evoca i claim di una pubblicità degli anni '60 e suggerisce la chiave per interpretare le opere in esposizione: concepire il viaggio come metafora della storia che evolve, nelle usanze e nella società. Così, come spiega il curatore della mostra Olivier Saillard “la semplificazione dei vestiti e dei bagagli va di pari passo con l'emancipazione delle donne”, poiché la grande intuizione di Louis Vuitton, come testimoniano le foto prese dagli archivi, è stata prevedere i grandi mutamenti ed assecondarli nel costume realizzando accessori attualissimi e diversi l'uno dall'altro.

Karl Lagerfeld, la mostra fotografica alla Pinacoteca di Parigi

Genio, istrione, visionario, Karl Lagerfeld è l'icona più carismatica e sorprendente della moda contemporanea e come un prestigiatore, ha sempre un asso nella manica e i suoi trucchi paiono infiniti. Non tutti sanno, che oltre ad essere un direttore creativo è anche un eccellente fotografo tanto che i suoi scatti realizzati per il Calendario Pirelli 2011, tra i più quotati al mondo, sono stati raccolti in un nuovo progetto “Karl Lagerfeld, a Visual Journey”, in esibizione alla pinacoteca di Parigi. Le immagini sono ambientate nel mondo dell'antica Roma e magna Grecia e rappresentano le leggende e i miti più celebri dell'epoca. Altre foto sono ispirate al design d'interni e propongono istantanee firmate per Cassina, il noto brand italiano di arredamenti di lusso. La mostra sarà allestita fino al 20 marzo 2016.

Ph credits arte.sky.it; hihsnobiety.com

Immacolata 8 dicembe 2015 cose da fare mostre da vedere eventi moda italia milano parigi art Gallery Karl Lagerfeld

 

Immacolata 8 dicembe 2015 cose da fare mostre da vedere eventi moda italia milano parigi vVolez Voguez Voyagez Louis Vuitton

Il fascino della moda made in sta nel creare bellezza lasciandosi ispirare da essa stessa, ossia da quell'armonia che circonda lo stile di vita delle persone che vivono il fermento culturale di paesi come l'Italia e la Francia. Quest'armonia è catturata con un lampo di genio dagli stilisti che la trasformano in creazione. E sono proprio le opere stesse a dare voce alla loro storia, la scenografia del fashion, e le mostre sono i luoghi migliori per apprezzarle dal vivo. Qui di seguito alcuni suggerimenti sulle esibizioni più interessanti da visitare a Milano, Roma, Genova e Parigi, per gli appassionati di moda design e fotografia .

 

Grazia